Web Marketing Podcast di Alessandro Mazzù: ascolta & scarica

Oggi voglio parlarti di come un consulente marketing – e, da un certo punto di vista, tutti i lavoratori autonomi – può aumentare di gran lunga la propria produttività con un unico e importantissimo gesto. Magia? No, cancella una volta per tutte quella parola dal tuo vocabolario: qui si tratta solo di tecnica e di impegno. Ma non ci perdiamo in quisquilie lessicali, e andiamo dritti al punto: come si fa ad aumentare in modo concreto e rapido la nostra produttività quotidiana?

Ebbene, non so tu, ma il mio più grande ostacolo, ogni giorno, corrisponde anche al primo. Proprio così: il problema non è affatto lavorare. No, il mio lavoro mi piace, adoro la mia attività di consulenza, mi piace passare agli altri le mie conoscenze e confrontarmi di giorno in giorno con delle sfide nuove e diverse. Il problema è piuttosto iniziare a lavorare, partire a freddo e mettersi immediatamente in moto, a pieni giri. Certo, potresti dire che è l’età, ma sono abbastanza convinto che questo tipo di problema accomuni i professionisti più giovani e quelli più in là con gli anni.

Ecco, questo primo ostacolo mina già alle fondamenta la produttività della giornata, e quindi quella della settimana, del mese e via dicendo. Questo succede perché la mattina, quando ci mettiamo alla scrivania con il viso ancora leggermente segnato dal cuscino, difettiamo di concentrazione, di attenzione, di organizzazione e persino di forza di volontà. Sai cosa ti può salvare? Te lo dico io: la pianificazione. È per questo che in apertura ho accennato all’importanza della sera prima. Quello che devi fare, infatti, è pianificare ogni tua giornata la sera prima, prima quindi di staccare. Terminata l’ultima chiamata, inviata l’ultima email, finita l’ultima lezione, scritto l’ultimo post, non devi semplicemente spegnere il computer e lasciare l’ufficio. No, per migliorare il tuo domani – e quindi, sul lungo termine, il tuo futuro e quello della tua attività – dovresti invece pianificare quello che dovrai andare a fare domani.

In questo modo, quando ti siederai alla tua scrivania il mattino seguente, non dovrai organizzare alcunché, non potrai perderti in attività secondarie, non potrai rimandare, e non potrai nemmeno ritrovarti a cliccare a caso sui social network in preda a un crollo della tua forza di volontà: no, tutto sarà scritto, e non dovrai fare altro che iniziare immediatamente a produrre, senza ritardi o tentennamenti.

A te la scelta: puoi usare dei calendari cartacei, puoi buttarti su Google Calendar o simili, o puoi fare delle semplicissime to do list su un quadernetto. Scegli tu quello che preferisci: l’importante è avere un metodo preciso e seguirlo tutti i giorni. Su quei fogli – fisici o virtuali – devi pianificare i tuoi giorni e le tue settimane, inserendo tutte le attività che devi fare. Sentire quel cliente, scrivere quella email, terminare quel progetto, andare in quel posto, telefonare al commercialista, pagare quel fornitore, fare quella fattura, contattare l’editore…

Ma come si pianifica il giorno dopo? Beh, solo tu puoi sapere quali sono le varie attività che devi fare domani. Ti posso però dire che il miglior trucco per ottimizzare la tua produttività è quello di programmare l’attività più pesante, più difficile e più noiosa – insomma, quella che proprio non vorresti fare – per le primissime ore del mattino. In questo modo, una volta affrontato quell’arduo compito, il resto della giornata ti sembrerà una gran bella discesa, da affrontare con il sorriso di chi ha già fatto buone cose e che è dunque pronto a farne tante altre. Va poi sottolineato che la nostra giornata – per fattori neurologici e psicologici – tende a conformarsi sulle nostre prime ore di lavoro. Se tra le 8 e le 10 saremo iperproduttivi, avremmo una giornata estremamente soddisfacente. Se invece ci lasceremo distrarre già nelle prime ore del mattino, molto probabilmente combineremo poco o nulla di buono.

Arrivare in ufficio e poter contare su una lista programmata delle azioni da fare significa infatti eliminare ogni difficoltà inutile, per iniziare la giornata con una chiarezza cristallina in testa. Certo, qualcosa potrà pur sempre andare storto, influenzando la tua scaletta: la telefonata inaspettata di un cliente, l’aggiornamento del computer… gli inconvenienti e le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Ma in questo modo gli agenti disturbanti proverranno solo dall’esterno, e non dalla tua testa, che sarà invece perfettamente organizzata per portare a termine tutte le attività previste.

Man mano che completerai le varie task indicate, poi, dovrai barrarle e cancellarle e, lasciatelo dire, la tua soddisfazione aumenterà ogniqualvolta tu traccerai una bella riga – virtuale o no – sull’attività pianificata portata a termine con successo. Grazie a queste liste, inoltre, saprai sempre dove ti trovi e dove devi arrivare, ogni singolo giorno. Quando avrai tracciato l’ultima riga, beh, avrai semplicemente fatto tutto quello che era il tuo dovere. Forse, talvolta, finirai in anticipo sulla tabella di marcia. In quei casi – senza nessun senso di colpa – potrai decidere come investire quella fetta di tempo libero. Potrai andare a fare un aperitivo, potrai andare al parco con la tua famiglia, potrai leggerti qualche pagina di un buon libro, potrai persino fare un pisolino, oppure portarti avanti con il lavoro del giorno dopo, facendo magari qualche chiamata in più del previsto.

Grazie a delle liste pianificate giorno per giorno e settimana per settimana, inoltre, riuscirai a programmare con più precisione le tue attività, così da eliminare ritardi fastidiosi per i tuoi clienti.

Ricordatelo: ogni giorno abbiamo una data quantità di energie, di attenzione e di forza della volontà. Per aumentare al massimo la produttività devi dunque riuscire a pianificare al meglio ogni tua azione, per non sprecare le tue energie, per non distrarti e per non scalfire la tua tua forza di volontà.

Sei pronto a pianificare il tuo domani?

Share This